Secondo referendum in Inghilterra?Tempo di lettura stimato: 1 min.

0
144

Ora che Brexit è stata rimandata, non avremo che da divertirci con le elezioni europee. Mentre Orizzonti Politici sta continuando il torneo sui partiti italiani più strani candidati alle europee, nel Regno Unito solamente adesso si iniziano a conoscere i candidati a quelle che sembrano delle elezioni inevitabili.

Come riporta The Guardian, questa volta tutti i voti conteranno. Infatti, per quanto ci possano essere 10, 20 o 30 partiti candidati, li potremo distinguere in due macro gruppi: a favore dell’Unione Europea o a favore di Brexit. Questo porterebbe a considerare le elezioni europee come un secondo referendum. Ed è proprio questo a destare preoccupazione fra alcuni partiti britannici come i Conservatori di Theresa May e il nuovo partito Brexit di Nigel Farage, come già detto in un punto precedente.
Secondo l’ultimo sondaggio di YouGov, il Partito Brexit di Farage è nettamente in testa con il 27% delle preferenze. Tuttavia, la somma dei partiti minori filo-europei sarebbe maggiore rispetto a quest’ultima e pressioni per far si che facciano campagna elettorale insieme non mancano.

Insomma, il voto alle europee potrebbe rivelarsi fondamentale per il percorso tortuoso della Brexit. Non c’è da escludere però la possibilità, seppur remota, che Theresa May riesca a raggiungere un accordo in parlamento che li permetta di uscire dall’Europa prima delle elezioni del 23-26 maggio. D’altronde, le sorprese non sono mancate negli ultimi anni.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.