La Conferenza di Berlino ha raggiunto i risultati sperati?Tempo di lettura stimato: 1 min.

0
172
Gli esponenti dei Paesi partecipanti a seguito della Conferenza

Nella giornata di ieri si è tenuta la Conferenza di Berlino, che ha visto la presenza dei principali attori del conflitto libico. La scorsa settimana vi era stata una distensione della situazione a seguito del cessate il fuoco. Tuttavia, il generale Haftar alla vigilia della Conferenza aveva bloccato la distribuzione del petrolio libico da cinque porti sotto il controllo delle sue milizie, dimezzandone l’esportazione.

Durante la Conferenza non c’è stato un tavolo di dialogo diretto tra il generale e il presidente del governo di Tripoli al-Sarraj, ma la mediazione è avvenuta tramite la cancelliera tedesca Angela Merkel. I due leader hanno tuttavia autorizzato l’istituzione di una commissione che monitorasse la tregua e la partecipazione al suo interno di loro delegati.

I contenuti dell’accordo

I Paesi partecipanti inoltre hanno siglato un accordo che prevede un graduale processo di unificazione della Libia. Questo processo dovrebbe avere inizio con una tregua firmata dai due leader a Ginevra già questa settimana. Inoltre, al fine di evitare un’escalation della situazione, i Paesi presenti hanno sancito l’embargo totale degli armamenti e hanno istituito dei controlli affinché questa risoluzione non rimanga solo teorica, ma abbia un’effettiva efficacia.

Il documento presenta inoltre la soluzione democratica come unica possibile conclusione del conflitto. La costituzione di un governo unitario infatti non può prescindere dall’istituzione di libere elezioni e dalla restaurazione di un tessuto sociale dinamico. Sarà infatti fondamentale tutelare le principali istituzioni economiche libiche al pari dei diritti umani, al fine di garantire una situazione stabile che metta freno al flusso migratorio verso l’Europa Occidentale.

A quale punto del processo ci troviamo?

Gli accordi siglati durante la Conferenza di Berlino non rappresentano tuttavia il conseguimento della pace. Essi sono infatti solamente il primo passo di un processo i cui effetti sostanziali si inseriscono in un’ottica lungimirante. Ciò nonostante essi restituiscono all’Europa un ruolo centrale e svincolano il futuro della Libia dagli interessi economici e politici di Ankara e Mosca.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.