Le proteste a Hong Kong, quattro mesi dopoTempo di lettura stimato: 2 min.

0
44
Uno dei tanti cartelloni esposti durante le proteste a Hong Kong di ieri, Crediti immagine: Reuters

Ieri si sono festeggiati quattro mesi di proteste a Hong Kong, e la situazione non sembra essere destinata a migliorare nel breve termine. Ieri un manifestante ha sofferto una grave ferita al polmone sinistro dopo aver ricevuto una pallottola a distanza ravvicinata.

Le proteste a Hong Kong, la storia

La situazione esplode tra giugno e luglio, quando il governo autonomo dell’isola rende pubblica un disegno legge sull’estradizione in Cina. Secondo molti degli abitanti, questa proposta conferma l’eccessivo avvicinamento del governo autonomo verso Pechino. Inizia anche a serpeggiare la paura di perdere il diritto al giusto processo, di cui l’isola gode da decenni. Dopo le prime settimane di proteste a Hong Kong, alla fine di luglio, il leader del governo Carrie Lam ritira la proposta nella speranza di placare le manifestazioni.

La spinta verso maggior democrazia

I manifestanti però non si fermano, anzi sentendo l’inerzia dalla loro parte intensificano i cortei, che diventano via via più violenti. L’obbiettivo delle proteste a Hong Kong è ora quello di ottenere maggiore democrazia. In particolare, i manifestanti richiedono maggior democrazia nelle elezioni del parlamento locale, che rimane per legge sotto lo stretto controllo del dittatore cinese , Xi Jinping, e il suo governo.
Come se ciò non bastasse, i cittadini chiedono anche maggiore chiarezza sul destino dello schema “Due paesi, un sistema” che regola l’autonomia dell’isola dal 1997. Questo livello di autonomia è stata garantita dal governo di Pechino solo fino al 2047, e oggi i manifestanti chiedono più trasparenza su cosa li aspetta dopo quella data.

Compleanno violento

Ieri si festeggiavano i settant’anni dalla fondazione della Repubblica Popolare Cinese, e mentre a Pechino si assisteva a un’impressionante parata militare, ad Hong Kong si è assistito a uno dei giorni di protesta più violenti. Più di venti poliziotti sono rimasti feriti, oltre duecento i manifestanti contusi, un altro centinaio quelli arrestati. La notizia l’ha fatta purtroppo la storia di Tsang Chi-kin, diciottenne, che ha ricevuto una pallottola nel polmone destro dopo aver attaccato un poliziotto antisommossa con una spranga. Il ragazzo è stato immediatamente trasportato in ospedale e ora è stabile. I poliziotti ieri hanno sparato un totale di sei pallottole, di cui solo una a segno. Il capo della polizia Mr.Lo ha difeso i suoi agenti, dichiarando come il manifestante abbia ingaggiato lo scontro a suo rischio e pericolo. Nel frattempo, però il video dello scontro ha fatto il giro del mondo, che ora aspetta col fiato sospeso l’evolversi della vicenda.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.