L’Amazzonia brucia: colpa di Bolsonaro?Tempo di lettura stimato: 3 min.

0
197

Il polmone verde del mondo, l’Amazzonia, sta andando in fumo e Bolsonaro da presidente sta affrontando le attenzioni di tutto il mondo

. Dall’inizio del 2019 abbiamo assistito ad un aumento degli incendi dell’83%: questo è ciò che afferma l’Istituto nazionale per la ricerca spaziale (INPE) del Brasile. Molti incolpano le politiche del presidente Bolsonaro. Questa drammatica ondata di incendi è in parte dovuta alla stagione secca del paese, ma è anche una conseguenza della crescente deforestazione sotto l’amministrazione di estrema destra del presidente Jair Bolsonaro.

Tra gennaio e agosto, sono stati rilevati 72.843 incendi, un aumento enorme rispetto ai 39.759 registrati durante l’intero 2018. L’escursione arriva dopo due anni consecutivi di un calo del numero di incendi, ed è la cifra più alta dal 2013, secondo l’INPE.

Il cielo è scuro a San Paolo

Il 19 agosto, il fumo degli incendi boschivi ha provocato una simil-eclissi diurna a San Paolo, la più grande città del paese. Per circa un’ora, il cielo si è oscurato mentre il vento portava in città il fumo degli incendi boschivi che imperversavano negli stati di Amazonas e Rondonia, a più di 2.700 chilometri di distanza.

Gli stati con più incendi sono quelli coperti totalmente o parzialmente dalla foresta amazzonica. Lo stato che è stato il più colpito dagli incendi boschivi è il Mato Grosso, nella parte centro-occidentale del paese, con 13.682 incendi: un aumento dell’87% rispetto al 2018. Un altro stato, Amazonas, ha dichiarato lo stato di emergenza a causa degli incendi. L’Amazzonia è vista come l’ultimo, fragile scudo dell’umanità contro i cambiamenti climatici. Se l’Amazzonia ed il Brasile perdono la loro lotta contro gli incendi, anche la lotta contro i cambiamenti climatici globale farà la stessa fine.

San Paolo alle ore 16 di ieri oscurata dal fumo.

Deforestazione senza scrupoli

La tesi cara agli ambienti vicini a Bolsonaro ritiene che gli incendi dell’Amazzonia possano essere causati accidentalmente durante la “queimada”. Esso rappresenta il periodo in cui la radura viene tagliata e bruciata utilizzata per trasformare le aree forestali in aree di coltivazione e di allevamento o per ripulire aree già deforestate, di solito durante la stagione secca che termina in due mesi.

Bolsonaro ha indicato che la colpa era della queimada per l’improvviso aumento degli incendi in Amazzonia, ma la motivazione appare debole agli ambientalisti, che affermano che mentre la stagione secca fornisce le condizioni ideali in cui gli incendi possono bruciare, gli incendi possono essere avviati solo dall’intervento dell’uomo.

Il presidente ha respinto le critiche per il suo sostegno alla deforestazione e si è scagliato contro le ONG e le agenzie ambientaliste. Ha anche affermato, in un video pubblicato sul suo account di Facebook mercoledì, che le ONG stavano sabotando il suo governo accendendo gli incendi. Quando i giornalisti gli hanno chiesto prove di queste affermazioni, il presidente non ne ha fornita alcuna.

Bolsonaro è noto per aver esercitato pressioni sulle organizzazioni impegnate nella lotta alla deforestazione. Il presidente dell’INPE, Ricardo Galvao, è stato licenziato la scorsa settimana dopo che l’istituto aveva pubblicato cifre che rivelavano i livelli in aumento della deforestazione. Il governo ha denunciato il rapporto come bugie “sensazionaliste”.

 

Bolsonaro sotto fuoco incrociato

Ricardo Salles, ministro dell’Ambiente del Brasile, ha dichiarato oggi all’AFP che: “Tutte le regole sulla deforestazione illegale sono state rispettate, tutte le strategie necessarie sono state perseguite per evitare tali eventi”. Ha aggiunto inoltre che il governo ha mobilitato gli operatori di emergenza e gli aerei per fermare gli incendi e ha lavorato con i governi regionali per fermare il danno.

Dall’inaugurazione di Bolsonaro come presidente, il suo governo ha gradualmente indebolito la legislazione sulla protezione ambientale. I governi precedenti erano riusciti a gestire la deforestazione reprimendo gli attori illegali con norme e multe più severe.

La settimana scorsa abbiamo parlato della nuova visione di Bolsonaro sulla politica energetica.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.