La Turchia minaccia l’Europa con i migrantiTempo di lettura stimato: 2 min.

0
112
Turchia Migranti

Giovedì il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha minacciato di riaprire un percorso per i migranti siriani per raggiungere l’Europa se non riceve più sostegno per un piano di reinsediamento incentrato sulla Siria settentrionale.

Erdogan ha esortato gli Stati Uniti a intraprendere ulteriori azioni per stabilire una cosiddetta zona sicura nel nord-est della Siria, zona in cui Washington sostiene una forza a guida curda che combatte il gruppo militante dello Stato Islamico.

“Mi aspetto azioni concrete, altrimenti dovremo aprire le porte”, ha detto Erdogan. “Non possiamo sopportare questo peso da soli. Non siamo stati in grado di ottenere aiuto dalla comunità internazionale, in particolare dall’Unione europea.”

‘Inaccettabile’

Il governo turco ha affermato che intende insediare fino a 1 milione di rifugiati nel nord della Siria. Ma molti chiedono che gli stessi siano perlomeno reinsediati nella loro città natale.

“Far stabilire centinaia di migliaia di siriani, che sono al di fuori delle nostre aree, qui sarebbe inaccettabile”, ha detto il funzionario curdo siriano Badran Jia Kurd, riferendosi alla Siria nord-orientale.

La Turchia considera i combattenti curdi siriani vicino al confine una minaccia alla sicurezza nazionale. All’inizio di quest’anno, Erdogan aveva minacciato ulteriori incursioni nell’area detenuta dai curdi se gli Stati Uniti non avessero adottato misure proattive per stabilire una zona sicura.

“Questo sembra un tentativo di aumentare la pressione per ulteriori concessioni statunitensi nella zona sicura, dove alcuni rifugiati potrebbero essere reinsediati a fini di pubbliche relazioni nazionali” per la Turchia “, ha affermato Nicholas Danforth, un membro anziano in visita presso il German Marshall Fund.

La rotta dei Balcani

Nel 2016 l’UE ha stretto un accordo con la Turchia che ha efficacemente chiuso la cosiddetta rotta balcanica impedendo a 1 milione di migranti di raggiungere l’Europa.

In cambio del blocco dei migranti dal passaggio in Grecia, l’UE ha offerto alla Turchia 6 miliardi di euro (6,6 miliardi di dollari) e la possibilità di accelerare i negoziati di adesione all’UE (rimandiamo a questo articolo per spunti sulla questione). “Ad oggi l’UE ha stanziato 5,6 miliardi di euro dei 6 miliardi di euro concordati”, ha dichiarato la portavoce della migrazione dell’UE Natasha Bertraud.

L’ultima volta vi abbiamo offerto un quadro non ottimale della Turchia.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.