La destra strappa l’Andalusia ai socialistiTempo di lettura stimato: 1 min.

0
272

Fumata bianca da Siviglia

È arrivato ieri il segnale che conferma l’accordo di governo per l’Andalusia, regione tradizionalmente governata dai socialisti del PSOE.

Ciudadanos, partito liberale e progressista, ha infatti festeggiato con un tweet l’elezione di Marta Bosquet a Presidente del Parlamento.

L’elezione è avvenuta al primo turno, con il supporto quindi del Partido Popular Andaluz e della destra anti-immigrazione di Vox. La composizione del Parlamento infatti, come avevamo segnalato all’indomani della votazione, è la seguente:

La composizione del Parlamento andaluso dopo la votazione del 2 dicembre

Contratto per il Governo del Cambiamento 2.0

Un accordo per il governo era già stato – faticosamente – trovato tra PP e CS. Una sezione locale di Ciudadanos aveva infatti dato l’annuncio, il giorno di Natale, del patto programmatico raggiunto tra i due partiti, che consiste di 90 punti:

Inizialmente il nuovo arrivato partito euroscettico e anti-immigrazione Vox era stato oggetto di un braccio di ferro, perché i suoi voti erano necessari alla formazione di una maggioranza parlamentare, ma i liberali di Ciudadanos non volevano stringere accordi con il loro principale antagonista a livello nazionale. L’accordo tuttavia è stato trovato, conferma Santiago Abascal, leader di Vox in Andalusia:

Termini e Condizioni del Contratto

Pare dunque ormai chiaro che la Presidenza del Parlamento spetta a Ciudadanos, la Presidenza della Regione Andalusia al Partito Popolare (il candidato è, quasi certamente, Juan Manuel Moreno). La composizione della Junta (esecutivo regionale) non è ancora stata rivelata, ma sarà molto probabilmente composta da membri dei due partiti. Il supporto esterno di Vox sarà quindi garantito in cambio di alcuni punti programmatici.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.