Cronache dal 4 Marcio — 62esimo Bollettino SettimanaleTempo di lettura stimato: 1 min.

0
87

Anno domini 19 d.C. (dopo Craxi): a distanza di sessantadue settimane dalle elezioni del 4 marcio sono in tanti a ricevere lettere.

Riceve lettere il Governo dall’Europa dubbiosa sulla tenuta della manovra. Ma, tranquilli, i dati non lasciano nessun spazio ai dubbi: facciamo schifo e basta.

Riceve la lettera di risposta dal Governo l’Unione Europea con Salvini che la butta su “chi ha la testa più dura”. I leghisti sono così: passano dal celodurismo al testadurismo, ma la testa di cazzo rimane sempre.

Riceve lettere la popolazione di Favignana che dopo aver votato in massa la Lega si è vista tagliare le quote sui tonni e ora rischia di vedere chiusa la sua tonnara. Forse era meglio fare votare i tonni.

Ma non riceve lettere la professoressa ospitata in Senato insieme ai suoi alunni dalle senatrici a vita dopo essere stata sospesa per aver paragonato Decreto Sicurezza e Leggi Razziali. Forse la Storia qualche allievo ce l’ha…

Canzone della settimana: “Tu vuo’ fa il segretario” dedicata all’incontenibile Carlo Calenda.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.