Cronache dal 4 Marcio — 59esimo Bollettino SettimanaleTempo di lettura stimato: 1 min.

0
97

Anno domini 19 d.C. (dopo Craxi): a distanza di cinquantanove settimane dalle elezioni del 4 marcio sono in pochi a voler leggere un libro.

Non vuole leggere un libro il Ministro Salvini che ha deciso di non voler andare al Salone del Libro di Torino per la presenza della casa editrice fascista “Altaforte”. Chissà cosa accadrà ora che scopre di averci pubblicato il proprio libro.

Non vuole leggere un libro il Salone del Libro di Torino che ha infine escluso dal proprio evento l’ “Altaforte”. La speranza è che presto tutta l’Italia faccia altrettanto.

Non vuole leggere un libro Luigi Di Maio critico nei confronti del sindaco di Roma Virginia Raggi che ha difeso la famiglia rom attaccata a Casal Bruciato. Così, giusto per ricordarci che gli idioti non sono solo nella Lega.

Ma vuole leggere un libro Nicola Zingaretti che, presentando il suo, ha detto che non tutto dell’Urss era d buttare. Strano, sembrerebbe quasi una cosa di sinistra…

Canzone della settimana: I cento passi. Sarà pure banale ma gridare che “la mafia è una montagna di merda” fa sempre bene al cuore.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.